Una recensione dell’ultraportatile Lenovo ThinkPad X230

Una recensione dell’ultraportatile Lenovo ThinkPad X230

 (3028)    (0)    0

Quest’oggi vorremmo proporvi la recensione di un prodotto Lenovo, l’ultraportatile ThinkPad X230.

Cominciamo col dire che questo prodotto coniuga in maniera eccellente la portabilità e la produttività unendole ad un’autonomia decisamente superiore alla media (si parla di 17 ore di utilizzo continuativo).

Lo chassis leggero, la dotazione di porte per la connettività, l’autonomia ed il bello schermo da 12,5 pollici ne fanno una scelta ottimale per chi ha bisogno di un ultranotebook professionale per lavorare in mobilità.

Questo prodotto è stato rilasciato nel 2012, l’attenzione progettuale e la cura dei dettagli profusi da Lenovo nella sua serie ThinkPad X lo rendono attuale ancora adesso (se confrontato a portatili di prezzo paragonabile o anche leggermente superiore).

Ed adesso, dopo avervi dato le mie prime impressioni, andiamolo ad analizzare più in dettaglio.

Proviamo ad aprirlo… la plastica è di ottima qualità ed è presente un buon grip che impedisce di lasciarselo scivolare dalle mani.

Lo accendiamo e, grazie alla tecnologia Lenovo Enhanced Experience 3.0 (EE 3.0) con RapidBoot, il laptop è in grado di avviarsi ed essere operativo in una manciata di secondi, risparmiando circa il 30% del tempo rispetto ad una soluzione convenzionale (la nostra aggiunta di un disco SSD rispetto alla configurazione originale ne migliora ulteriormente il tempo di boot).

Il processore in dotazione è un Intel® Core™ i5-3320M dual core a 2,6 Ghz (3,3 Ghz grazie alla tecnologia Intel Turbo Boost) che, unito ai 4 Gb di RAM permettono di usare agevolmente sia Windows 10 che una qualsiasi distribuzione Linux.

La scheda grafica è una Intel HD Graphics 4000, che va bene per tutte quelle applicazioni che non richiedano un utilizzo intensivo del comparto video.

La connettività è ottima: sono presenti tutte le porte “classiche” come la Ethernet RJ-45, il Bluethooth ed il Wi-Fi; va assolutamente segnalata la presenza di un modulo 3G che permette di avere connettività autonoma.

Come ulteriore dotazione di porte vanno elencate: il Jack combinato per microfono/auricolare, il Jack DC-in, lo Slot ExpressCard, 1 USB 2.0, 2 USB 3.0, ed 1 VGA (D-Sub).

Ed adesso andiamo a valutare quale configurazione conviene acquistare.

Ormai 4Gb di RAM sono pochi per un sistema operativo come Windows 10, conviene da subito optare per il modello con 8 GB (o anche 16 se si ritiene di lavorare con molti programmi aperti) mentre, invece, se dovessimo decidere di lavorare con un sistema operativo di tipo Linux (come una Ubuntu o una Debian) potrebbero anche bastare 4 Gb di RAM.

Per quanto riguarda il disco il 128 GB della dotazione base potrebbe andare bene finquando ci si limita a documenti (word, excel e powerpoint) e foto ma inizia a stare strettino se si prevede di avere una corposa quantità di dati sul disco; potrebbe essere più interessante prendere un disco da 256 Gb sin dall’inizio.

Lenovo, come da sua tradizione, cura ogni piccolo dettaglio ed abbiamo così un rivestimento ignifugo ed addirittura una canaletta di drenaggio nella parte superiore (se vi dovesse finire una lattina di coca-cola sulla tastiera ????).

Detto questo vi invitiamo a visitare la pagina del nostro shop ove vendiamo il Lenovo ThinkPad X230 e vi ringraziamo per il tempo speso nella lettura :)

 (3028)    (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha